jump to navigation

L’open source viola più di 200 brevetti microsoft maggio 16, 2007

Posted by linuxiano in Linux, Note su Linux, Uncategorized.
trackback

Sono ben 235 i brevetti che Microsoft ritene essere violati dal mondo Linux e Open-Source. La vicenda, i cui dettagli sono però ancora scarsamente delineati, si apprende da un’ intervista di Fortune pubblicata su CNNMoney.

Il colosso di Redmond avrebbe individuato 42 violazioni all’interno del kernel Linux, 65 relative all’interfaccia del Pinguino (sebbene non sia chiaro se ciò si riferisca ad una specifica GUI o a tutti gli ambienti desktop Linux), 45 brevetti risulterebbero violati da OpenOffice, 15 da programmi di e-mailing e un non meglio specificato insieme di “altri” sistemi operativi violano ulteriori 68 brevetti.

Attualmente Microsoft ha solamente preso atto della situazione, senza voler (almeno per ora) passare ai fatti. La vicenda è infatti particolarmente complessa e spinosa: innanzitutto siamo davanti ad una mole di brevetti infranti (presunte o reali che siano queste infrazioni) mai vista prima, in secondo luogo il sistema operativo del Pinguino, in tutte le sue molteplici incarnazioni, è largamente diffuso nel mondo di aziende, società, colossi del mercato e multinazionali per la gestione dei sistemi informatici. Gran parte di queste aziende, inoltre, sono anche clienti del gigante di Redmond. Alla luce di ciò una battaglia in campo aperto potrebbe generare una serie di ripercussioni a spirale che si ritorcerebbero anche sulla stessa Microsoft.

Quali sono, quindi, le intenzioni di Microsoft? Le dichiarazioni di questi giorni sembrano essere una minaccia agghindata da monito, così come le esternazioni di Steve Ballmer, CEO dell’azienda: “I concorrenti open-source di Microsoft devono rispettare le stesse regole osservate dagli altri protagonisti dell’industria. Viviamo in un mondo dove promuoviamo il rispetto delle proprietà intellettuali e le rispettiamo a nostra volta”.

Il mondo Open Source reputa le dichiarazioni del colosso di Redmond un mezzo per instaurare ciò che gli americani chiamano regime di “FUD”, ovvero acronimo che sta a significare “Fear, Uncertainty and Doubt”, letteralmente “paura, incertezza e dubbio”. In altre parole una situazione di “terrore”, dove le imprese si sentano minacciate dalla sempiterna ghigliottina della violazione dei brevetti.

Minaccia che potrebbe indurre le stesse imprese a trovare accordi “cordiali” (leggasi: che prevedono esborso di denaro o vantaggi economico/commerciali, spesso unilaterali) con Microsoft onde evitare ripercussioni legali potenzialmente catastrofiche.

fonti:hwupgrade

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: